420x60Advertising La Mia Lazio
Toma Basic La Mia Lazio

Toma Basic: su di lui piomba l’Atalanta?

Da settimane la Lazio e Toma Basic sembrano essere promessi sposi, al netto di un’alternanza sfiancante tra fake news e indiscrezioni che rischiano di giorno in giorno di destabilizzare l’ambiente laziale e soprattutto la tifoseria. Alla Lazio il playmaker guadagnerebbe 1,5 milioni netti a salire negli anni successivi fino al 2026.

Il Profilo del giocatore

Toma Basic ha 24 anni, croato di nazionalità sa ricoprire praticamente tutti i ruoli del centrocampo. Mediano, mezz’ala destra o sinistra conta poco, infatti il ragazzo ha fisico, resistenza e allo stesso tempo un piede molto educato. C’è da dire che a vedere “Skills & Goals” su YouTube sembrano tutti fenomeni, ma chi un minimo abbia seguito in questi anni la Ligue 1 sa bene di cosa stiamo parlando. In 72 presenze nel campionato francese Toma Basic, alto 190 cm, ha registrato 7 goal, 4 assist e 14 ammonizioni. Nessun cartellino rosso.

Toma Basic nella Lazio

Nell’undici biancoceleste Basic potrebbe ricoprire principalmente il ruolo di vice Leiva. Ma con tre competizioni alle porte (Serie A, Coppa Italia, Europa League) il giocatore zagabrese sarà utile anche come vice di Milinkovic e Luis Alberto. Bisogna tuttavia considerare che Lucas Leiva non ha più la resistenza di un tempo, quindi potremmo vedere Basic ricoprire il ruolo di titolare e magari preparare il suo futuro da titolarissimo per la prossima stagione (Leiva vorrebbe chiudere la carriera in Brasile).

Atalanta su Toma Basic?

Nelle scorse settimane la concorrenza principale fu quella del Napoli, fortemente interessato al giocatore, ma la Lazio sembra aver attratto maggiormente il ragazzo croato, vuoi per mister Sarri, vuoi per la città di Roma. Stando a quanto riportato oggi dal Corriere dello Sport invece, sul mediano del Bordeaux sarebbe piombato  il presidente Percassi per portarlo all’Atalanta. Potrebbe essere solamente un’indiscrezione, ma se così non fosse Igli Tare dovrà accelerare per chiudere, perché l’Atalanta ha una carta in più da giocarsi: la Champions League.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.